Consulenza in fase esecutiva

consulenza fase esecutiva

Il servizio consulenza appalti offre un supporto alle imprese associate in tutti i passaggi fondamentali dell'appalto, dall'aggiudicazione della gare di appalto pubblico, alla consulenza sulla tracciabilità dei flussi finanziari, alla gestione dei subappalti, nella gestione dei cantieri anche in riferimento alla presentazione delle riserve.

Offre anche un supporto in ambito privato, in particolare per la predisposizione di singoli contratti, aiutando le imprese nell'esame delle condizioni contrattuali, mettendo in luce eventuali criticità, fornendo fac simili di contratto e consulenza appalti e legale in materia.

Supporta gli appaltatori nella predisposizione delle pratiche di autorizzazione di subappalto, nella predisposizione delle dichiarazioni di subappalto e nella predisposizione di contratti di subappalto ed offre consulenza per il mancato pagamento dei subappaltatori, anche in caso di pagamento diretto.

L'ufficio appalti può predisporre la corrispondenza con la Direzione lavori e la Committenza, per sostenete le ragioni dell'impresa in caso di andamento anomalo dell'appalto. La consulenza appalti offre supporte sulle varie problematiche di cantiere e del contenzioso, con assistenza nella fase extra-giudiziale.

Il servizio è gratuito per gli associati in regola con il pagamento della quota associativa.

White list: cos'è e come iscriversi

Iscrizione alla “White List” per le imprese che partecipano agli appalti pubblici nei settori “a rischio” di infiltrazioni mafiosa

Il D.L. n. 90/2014 all’art.29 ha introdotto una modifica alla disciplina delle c.d. “White List”,ossia gli Elenchi contro le infiltrazioni mafiose previsti dalla Legge n. 190/2012 per i Fornitori, Prestatori di servizi ed Esecutori di lavori, operanti nei settori individuati dalla normativa come maggiormente esposti a rischio di infiltrazione mafiosa.

Clicca qui per approfondire

 

Pagamento diretto dei subappaltatori

Dopo 20 anni di battaglie, l’Associazione Artigiani ha ottenuto un RISULTATO STORICO!

Dallo scorso marzo 2016, infatti, la Provincia Autonoma di Trento ha trasformato in legge – L.P. 9 marzo 2016 n.2 – una nostra proposta frutto di  tante battaglie.

clicca qui per scoprire di più